Evento

Naturalmente Architettura

  • Naturalmente Architettura
  • Naturalmente Architettura
  • Naturalmente Architettura

Dal 3 al 7 marzo la Sala di Sant’Ignazio, in via Carducci, ospiterà il laboratorio – evento NaturalMente Architettura. In mostra i lavori degli studenti dei licei artistici di Arezzo e Anghiari. Quindi progetti e realizzazioni in più ambiti: architettura, pittura, scultura.

L’idea è dell’architetto Roberta Galantino con i partner Fabbri Vivai e Caneschi Arredamenti: “vogliamo lavorare sul rapporto uomo – natura e il “ponte” è rappresentato dall’architettura.  Sensibilizzare e stimolare la mente degli studenti alla cura del paesaggio in cui vivono dove la protagonista è l’architettura, che nella sua evoluzione storica, in un rapporto dialettico con il contesto preesistente, ha contribuito a formare i territori in cui viviamo. Pensiamo ad un’architettura capace di comunicare nuove istanze etiche e il bisogno di benessere psicologico che è una riconosciuta qualità necessaria dell’architettura contemporanea”.

Il progetto di Roberta Galantino si è concretizzato nel lavoro degli studenti del Liceo Artistico. A quelli dell’indirizzo di architettura sono stati dati tre grandi riferimenti ambientali: foresta, mare e deserto. Con il compito di inserire un manufatto in ciascuno di esso. Premiati tre progetti: una
palafitta nel mare, un piccolo residence nel deserto, un asilo nella foresta. Un rapporto, quello tra scuola e lavoro, particolarmente importante per l’assessore Lucia De Robertis: “il progetto coinvolge aziende ed istituti superiori del nostro territorio. In questo modo di affinano le possibilità di dialogo tra studio e lavoro, tra scuola e imprese. Opportunità di particolare rilievo nel settore ambientale”.

La seconda sezione di NaturalMente è stata riservata alla pittura non su tela ma su legno. Quindi temi e opere in grado di mettere in rilievo la natura traendo spunto dalle foto di David Butali, un professionista aretino.

Terza sezione la scultura. O meglio la realizzazione, con la collaborazione di Claudia Chianucci, di oggetti raku cioè con una raffinata tecnica giapponese in sintonia con lo spirito zen e legata alla cerimonia del tè.

Quarta a ultima sezione quella multimediale: gli studenti hanno elaborato il logo dell’evento e realizzato un video con la foto di Butali, con immagini di foto macro da loro scattate al Parco Pertini e, ovviamente, con musica.

Fin qui i lavori e i progetti messi a punto dagli studenti del Liceo Artistico di Arezzo. Quelli del Liceo di Anghiari hanno realizzato uno spogliatoio a tronco d’albero che sarà esposto a Sant’Ignazio e progettato giochi in legno per i bambini. Un fondamentale contributo al progetto è venuto dal Dirigente scolastico Luciano Tagliaferri e dagli insegnanti che hanno collaborato nelle varie sezioni: Patrizia Pacetti (architettura), Elena
Misuraca (pittura), Luigi Gaudioso (multimediale), Claudia Chianucci (scultura), Elia Camaiti e Maria Antonietta Miglionico (Anghiari).

News correlate

Evento

Nuova veste per il nostro showroom

Allestimento Polverini Lampadari

Nuova veste per lo showroom di Polverini Lampadari ad Arezzo. In questo nuovo spazio presenteremo le nostre nuove creazioni e collezion...

Evento

Naturalmente lo Gnomo Falegname

Evento naturalmente

Naturalmente Lo Gnomo Falegname nasce dalla necessità di Arredamneti Caneschi di diffondere la cultura del verde come valore fondament...